attac italia

Riprendiamoci il Comune

sindaci 580x291

di Marco Bersani (articolo pubblicato sul quotidiano il manifesto del 12 maggio 2018)

Il prossimo 10 giugno oltre 800 comuni andranno alle urne. Lo faranno in un contesto economico-finanziario di pesante riduzione delle risorse e dentro vincoli esogeni di bilancio, che rischiano anno dopo anno di trasformare in farsa quello che in passato era un importante appuntamento della democrazia. Ai candidati sindaci che, nella quasi totalità, attraverseranno la campagna elettorale con l'unica preoccupazione di dimostrarsi alfieri della stabilità dei conti, occorre ricordare alcuni dati. 

Il primo è la drastica contrazione delle risorse, portata avanti dai governi degli ultimi anni; per fare solo un esempio, mentre l'imposizione fiscale dei Comuni nel periodo 2010-2016 è aumentata di 7,8 miliardi, le risorse complessive a disposizione degli stessi nel 2016 erano inferiori di 5,8 miliardi rispetto al 2010. Il dato dimostra come le politiche di austerità abbiano avuto l'obiettivo primario di mettere i Comuni con le spalle al muro per obbligarli a mettere sul mercato il patrimonio pubblico, privatizzare i servizi e mercificare i beni comuni.

Leggi tutto...

RIPRENDIAMOCI IL COMUNE: Proposta di campagna territoriale e nazionale sui derivati e i mutui dei Comuni

riprendiamoci il comune 300x381

Premessa

La Commissione Europea con la Decisione del 04/12/2013, resa pubblica solo nel novembre del 2016, ha sanzionato alcuni istituti bancari (Barclays Bank, Deutsche Bank, Société Générale e Royal Bank of Scotland) al pagamento di una multa pari a 1,7 mld di euro per la violazione dell’art. 101 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea e dell’art. 534 dell’Accordo sull’Area Economica Europea (Accordo EEA). 

La Decisione si basa su due principi: a) il primo è relativo all’intesa restrittiva della concorrenza, operata dal cartello tra le suddette banche allo scopo di manipolare, a proprio vantaggio, il corso dell’Euribor; b) il secondo è relativo all’indeterminatezza stessa del tasso Euribor (un tasso inteso a riflettere il costo dei prestiti interbancari in euro), poiché i parametri atti ad individuare il tasso variabile sono scarsamente intelligibili, in quanto si fa riferimento a valori concatenati di valute estere tali da non rendere verificabili i dati. 

La Decisione riguarda tutti i contratti derivati e tutti i mutui a tasso variabile stipulati nel periodo 29/09/2005 – 30/05/2008 (nel quale l'illecito è stato accertato dalla Commisisone Europea) estensibile al 30/05/2009 (per effetto della determinazione del tasso Euribor a 12 mesi).  

La Decisione dell'Antitrust della Comissione Europea apre la strada ai comitatti per l'audit sul debito locale per costruire vertenze concrete in tutti i Comuni.

La Decisione permette infatti la richiesta di annullamento dei contratti derivati stipulati nel periodo 29/09/2005- 30/05/2009, ancora attivi o chiusi da non oltre 5 anni, con conseguente richiesta di risarcimento dei flussi negativi addebitati agli enti locali.

La Decisione apre inoltre la strada alla richiesta di annullamento dei mutui a tasso variabile agganciati al parametro Euribor contratti nel periodo 29/09/2005- 30/05/2009, ancora attivi, con conseguente ristrutturazione degli stessi a tassi nettamente inferiori.

Si tratta di un'occasione senza precedenti per avviare territorio per territorio la riappropriazione sociale della ricchezza collettiva prodotta, mettendo in connessione diretta le lotte per i beni comuni e i servizi pubblici con il tema del debito e dell'austerità.

Leggi tutto...

Massa Critica - L’audit sul debito dopo la manifestazione del 21 febbraio a Roma

di Massa Critica Napoli

Come è noto, insieme ad altre realtà del movimento, dei partiti e del sindacalismo di base, abbiamo partecipato alla manifestazione di Roma contro il debito del comune di Napoli promossa dal sindaco de Magistris.

È altrettanto noto che insieme ad alcune di queste realtà abbiamo firmato un documento dove si esortava ad andare oltre l’urgenza del debito del CR8 l’amministrazione e le altre realtà di movimento e politiche della città che sostengono la battaglia di rottura delle politiche neoliberiste.

Leggi tutto...

Massa Critica - "Chi è in debito con chi?": intervista al prof. Ugo Marani

Pubblichiamo la prima intervista della nuova rubrica di Massa Critica "Chi è in debito con chi?": iniziamo con il prof. Ugo Marani. L'intervista integrale è consultabile sul sito di Massa Critica.
Questa intervista è stata svolta nel mese di dicembre 2017 ed è il prodotto della collaborazione del tavolo audit di Massa Critica, Attac Napoli e Napoli Direzione Opposta. 

Giornata nazionale degli Audit civici per il Debito - IL REPORT

audit parma.jpg

Assemblea nazionale degli audit cittadini sul debito

Parma 25/11/2017

Report

Leggi tutto...

Sottocategorie

In questa categoria trovate una serie di schede tematiche, relative al percorso “Riprendiamoci il Comune”, che hanno un duplice scopo:

  1. aiutare la comprensione del contesto in cui gli enti locali e le comunità territoriali si trovano oggi inserite;
  2. favorire la conoscenza specifica dei diversi temi connessi con la finanza pubblica locale, con la gestione dei beni comuni, del territorio e dei servizi pubblici locali e con l’economia sociale territoriale.

Le schede attualmente presenti sono le seguenti:

scheda 1: Capire la crisi

scheda 2: Enti locali nel mirino della finanza

scheda 3: Il debito pubblico

scheda 4: Il patto di stabilità

scheda 5: Il pareggio di bilancio

scheda 6: Come leggere il bilancio comunale

scheda 7: Una diversa politica fiscale per gli enti locali

scheda 8: L’imposta di scopo

scheda 9: La Cassa Depositi e Prestiti

scheda 10: La gestione partecipativa dei beni comuni

scheda 11: La rigenerazione urbana territoriale

scheda 12: Elementi di una nuova economia sociale territoriale

scheda 13: Elementi per una nuova democrazia partecipativa

scheda 14: Decreto Madia. Lettura guidata al Testo unico sui servizi pubblici locali di interesse economico generale

Le schede potranno nel tempo essere arricchite di ulteriori temi ed elementi.

In questa categoria sono contenuti materiali di ulteriore approfondimento, relativi ai temi del percorso “Riprendiamoci il Comune”, in modo da favorire la comprensione approfondita di temi complessi che riguardano gli enti locali e le comunità territoriali.

Attualmente sono presenti i seguenti materiali.

Enti locali, debito pubblico e crisi della finanza pubblica di Simona Repole

L’economia sociale e solidale nei processi di rigenerazione orientati alla riconversione ecologica e sociale dei territori di Riccardo Troisi

In questa categoria sono contenuti materiali, prodotti da esperienze territoriali, relativi ai temi del percorso “Riprendiamoci il Comune”.

E’ una categoria che va pensata come lavori in corso, da integrare man mano con le nuove esperienze.

Attualmente sono presenti i materiali delle seguenti esperienze:

ComuneXComune rete di esperienze territoriali riunitasi a Livorno nel gennaio 2016-03-22

Massa Critica rete attiva nella città di Napoli

Venezia

Dona ora!

Tag Cloud

Condividi

FacebookTwitterGoogle Bookmarks