attac italia

Mezzo milione di cittadini in Spagna hanno ora il controllo su conti pubblici urbani

Più di mezzo milione di persone hanno ora accesso a una reale partecipazione nel loro comune. Gli OCM: organismi cittadini per controllare i governi locali.
Dopo due anni di lavoro presso la spagnola Piattaforma Cittadina per l’Audit del Debito (PACD), stiamo rilasciando il nostro strumento comunale per i cittadini: gli Osservatori Comunali dei Cittadini (OCM è l'acronimo spagnolo), un progetto che combatte l'opacità, favorisce la partecipazione al livello più accessibile del governo: i comuni, per renderli accessibili e partecipativi dal basso. Stiamo lanciando la proposta con cinque osservatori già in atto, che hanno permesso una reale partecipazione per più di mezzo milione di persone a Burgos, Terrassa, Girona, Castelldefels e Moia. E non saranno gli unici: ci sono in diversi comuni gruppi di apprendimento e di preparazione dei propri siti web per i loro vicini.
L'OCM propone un Audit Civico cittadino, migliorando il controllo di base: le nostre consultazioni in un comune sono una parte del processo di audit, mostrando ciò che è importante per noi nella nostra città. Una squadra di governo non sa meglio di noi ciò che è necessario nella nostra città. Tuttavia, ci sono pochi che offrono strumenti di partecipazione reali in linea con le esigenze dei cittadini.
Sappiamo tutti ormai che i nostri Comuni sono opachi; non c'è bisogno di guardare le statistiche internazionali che lo confermano. Non capiamo perché ci sono fornite meno informazioni rispetto a quelle che avremmo trovato in un semplice scontrino. E crediamo che non dobbiamo permettere questo: è nostro dovere garantire che i conti comunali siano resi pubblici, e per questo, la pressione dell'opinione pubblica è efficace.
Vi invitiamo a creare o promuovere il proprio OCM; uno spazio organizzato e autogestito aperto che farà rete con gli altri per raggiungere un maggiore controllo dei conti comunali. Fino a quel giorno, saremo informati solo da istituzioni per la maggior parte inefficaci come corti dei conti o difensori civici.
Lo strumento ha anche un orientamento internazionale ed è disponibile in diverse lingue, in modo che qualsiasi città del mondo possa farne uso. Abbiamo sviluppato un progetto open source, perché crediamo veramente nella cultura della trasparenza e del valore della condivisione delle informazioni.
Se vogliamo combattere la corruzione, influenzare i bilanci dei governi e fare che la nostra partecipazione vada oltre il voto ogni quattro anni ... Quale luogo migliore per imparare che il livello locale? ... E dopo, saremo in grado di mirare più in alto.
Cambiamo, il nostro futuro, è proprio dietro l'angolo. La trasparenza comincia in strada: attivala!
Un breve video introduttivo allo strumento (sottotitoli in inglese, francese, italiano, greco, portoghese e tedesco) a questo link: https://www.youtube.com/watch?v=PsHmSvGBPks&index=10&list=PLWkQoih_mrMt4r0P95AI1I0bV1OCZfymf

ICANetwork

giugno 2014

Quest'estate a Parigi, a scuola dai movimenti sociali

ESU2014.jpg

La rete europea di Attac sta organizzando l'Università estiva europea per i movimenti sociali (ESU) presso l'Università Paris Diderot a Parigi, dal 19 al 23 agosto 2014.

Il sito: http://www.esu2014.org/

Durante i cinque giorni, più di 1000 partecipanti sono attesi (attivisti di Attac e di altri movimenti, cittadini), per scambiare punti di vista, per imparare da e con gli altri, per discutere e sviluppare ulteriormente i modi e le strategie per uscire dalle tante crisi globali nonché a potenziare ulteriormente i movimenti sociali a livello nazionale e internazionale.
L'ESU di Parigi offrirà un gran numero di eventi: seminari, tavole rotonde centrali o " forum ", attività culturali, escursioni. Ma soprattutto, i laboratori saranno al centro dell'ESU, per i quali saranno messi a disposizione circa 200 spazi nell'arco di tre giornate.
Ogni attività nell'ambito dell'ESU rispecchierà un carattere di rete, in quanto pensate da organizzazioni di diversi paesi europei. L'intento è di dare l'opportunità a chi partecipa di condividere analisi, idee, pratiche e relazioni per incrementare la capacità di azione di mobilitazioni o campagne.

 

Leggi tutto...

La rete europea di Attac (Europea Attac Network)

Militante-ATTAC.jpg

 

Attac è un movimento diautoeducazione popolare orientata all’azione e alla costruzione di un altro mondo possibile, una delle più grandi reti internazionali di opposizione e alternativa al neoliberismo. Nei paesi europei, le organizzazioni di Attac hanno costituito una forma di coordinamento chiamata European Attac Network (EAN). Nei paesi in cui non è direttamente presente, la rete di Attac ha inoltre un collegamento permanente con organizzazioni nazionali con cui sono lanciate congiuntamente campagne di mobilitazione.

 

Dall’inizio del 2012, nell’ambito della rete europea di Attac, per darsi una forma che andasse oltre un semplice collegamento tra associazioni di diversi paesi si è assunto che le organizzazioni nazionali che animano la rete si riconoscano in principi comuni, i cosiddetti “7 principi” di Attac:

 

- rimuovere le finanze pubbliche dai mercati finanziari;

 

- porre fine alle politiche di austerità e configurare controlli che portino a forme di cancellazione del debito, assunzione da parte di banche e attori finanziari privati della loro parte di perdite;

 

- dare basi sostenibili alle finanze dello Stato, promuovendo la cooperazione fiscale e l'aumento coordinato della tassazione sulla ricchezza e sui profitti aziendali, con l’obiettivo di eliminare il dumping fiscale, ponendo fine all’evasione fiscale e attuando un "embargo finanziario" dei paradisi fiscali;

 

- disarmare i mercati finanziari e mettere il settore bancario sotto il controllo pubblico vietando i meccanismi speculativi più dannosi, imponendo una tassa su tutte le transazioni finanziarie, e regolamentando strettamente le banche;

 

- consentire un finanziamento pubblico e democratico dell’economia (costruendo un settore bancario pubblico e cooperativo sotto un controllo democratico per garantire il finanziamento dei bisogni sociali e dell’economia, garantendo i diritti sociali e finanziando la transizione ecologica, rivedendo le politiche commerciali per aderire a tali obiettivi, in cooperazione con i paesi in via di sviluppo);

 

- costruire un’Europa per il popolo, non per i profitti, ossia promuovere un insieme coordinato di politiche economiche e sociali progressiste e ripristinare ed ampliare servizi pubblici democraticamente controllati, ridurre gli squilibri, promuovere la transizione ecologica delle economie, favorire l’occupazione di qualità, promuovere la parità di genere e ampliare fondamentali diritti economici e sociali come sanità, istruzione, alloggio, mobilità, cibo, accesso all’acqua e l’energia, informazione, cultura, assistenza sociale e garantire che essi siano forniti tramite una rete di servizi di proprietà pubblica);

 

- attuare da subito la democrazia reale, ossia impegnarsi in un processo costituente volto a democratizzare il processo decisionale a tutti i livelli, sostenere e promuovere un dibattito pubblico, trasparente e responsabile delle visioni sull’Europa e sulle alternative politiche all’UE).

 

La rete europea di Attac ha individuato e iniziato a costruire quest'anno tre campagne specifiche che troveranno attuazione nel prossimo periodo. Le campagne in corso di preparazione sono:

 

- campagna “pacchetto fiscale”: perché una giusta tassazione diventi parte della soluzione all’attuale contesto di austerità. La proposta si basa sull’adozione nei vari stati di un pacchetto di misure fiscali che vanno in direzioni piuttosto articolate, rispetto a quella assunta dalle istituzioni europee: tassa sulle transazioni finanziarie, tassa sulle grandi ricchezze, tassa sulle plusvalenze finanziarie, imposta sulle società, oltre a una vera lotta all’evasione fiscale. Della proposta fa parte anche l’istituzione di un “wealth levy” (prelievo sulla ricchezza una tantum).

 

- campagna sul debito: “dont’owe, don’t pay”. La proposta si basa sul principio che le parti illegittime dei debiti pubblici e privati vadano cancellate. L’attuale discussione nella rete è concentrata nel trovare una soluzione condivisa di illegittimità applicabile in ogni stato europeo.

 

- campagna sulle banche centrali: con particolare riguardo alla BCE, il principio è che le politiche monetarie e fiscali devono essere espressione di scelte democratiche per l’interesse collettivo. Ciò passa dal riconoscimento del finanziamento della banca centrale agli stati per investimenti utili per l'interesse pubblico e dal riportare le banche centrali sotto un controllo democratico.

 

Momento di particolare importanza nel percorso di coordinamento della rete europea è l’Università estiva europea di Attac (ESU) che viene organizzata periodicamente. Dopo l’esperienza di Friburgo del 2011, la prossima sarà organizzata a Parigi nell'agosto 2014. L’università estiva di Attac, alla cui costruzione da ogni paese si contribuisce in termini organizzativi e di contenuto, è storicamente un momento di incontro e formazione riconosciuto da molti altri movimenti europei (l’ultima edizione ha visto la presenza di oltre mille partecipanti) e può rappresentare l'occasione di lancio di campagne specifiche.

 

La rete europea di Attac organizza due momenti annuali di incontro tra i partecipanti di ogni paese.

 

Attac Italia segue la rete europea con propri delegati sia negli incontri che nella più generale attività di coordinamento di azioni e campagne.

 

La Rete europea di Attac in solidarietà con lo sciopero generale del Sud Europa del 14-11

Un forte segnale di resistenza contro una disastrosa politica economica europea

 

Leggi tutto...

Attac per un'altra Europa

 

 

Leggi tutto...

Dona ora!

Tag Cloud

Condividi

FacebookTwitterGoogle Bookmarks