attac italia

  • La Posta in gioco

    Poste1

    di Marco Bersani

    E’ partita lunedì scorso la privatizzazione di Poste Italiane, che verrà realizzata attraverso la collocazione sul mercato di azioni della società corrispondenti a poco meno del 40% del capitale sociale. L'obiettivo dichiarato dal governo Renzi è l'incasso di circa 4 miliardi da destinare alla riduzione del debito pubblico. Già da questa premessa emerge il carattere ideologico dell'operazione: l'incasso di 4 miliardi di euro comporterà, infatti, un drastico calo del nostro debito pubblico dall'attuale vertiginosa cifra di 2.199 miliardi di euro (dati Banca d'Italia, fine luglio 2015) alla cifra di 2.195 miliardi (!). Senza contare il fatto di come l'attuale utile annuale di Poste Italiane, pari a 1 miliardo di euro, andrà calcolato, come entrate per lo Stato, in 600 milioni di euro/anno a partire dal 2016. Si tratta di un evidente rovesciamento ideologico della realtà: non è infatti la privatizzazione di Poste Italiane ad essere necessaria per la riduzione del debito pubblico, quanto è invece la narrazione shock del debito pubblico ad essere la premessa per poter privatizzare Poste Italiane.

Dona ora!