attac italia

  • La storia di Rojava, società utopica curda al confine dei territori dell’ISIS

    YPJ 580x386

    Combattenti della forza armata Ypj, conosciuta anche come Unità di protezione delle Donne. Credit: Rodi Said

    La storia di Rojava, società utopica curda al confine dei territori dell’ISIS*
    Come una regione autonoma curda nel nord della Siria è riuscita a ottenere democrazia, parità di genere e laicità nel bel mezzo dell'estremismo religioso dell'Isis
    di Antonella Gugliersi

    * fonte: http://www.tpi.it/mondo/siria/rojava-societa-curdi-parita-genere

    In Siria esiste una società autonoma non riconosciuta ufficialmente né dal regime di Bashar al-Assad, né dalle Nazioni Unite e nemmeno dalla Nato: Rojava è uno stato di fatto, situato su una striscia di terra nel nord della Siria grande quanto lo stato americano del Connecticut e abitato da 4,6 milioni di curdi. La regione produce 15mila barili di petrolio al giorno, che viene venduto alla gente locale e all’amministrazione di Assad per finanziare parte della guerra contro l’Isis.

  • Profughi siriani in Kurdstan Turco: le retrovie dell’accordo UE-Turchia

    ancient greek mosaic excavation zeugma 12 580x423

    Zeugma - Il ratto di Europa

    da Gaziantep (Kurdistan turco) Roberto Guaglianone

    Gaziantep, la città più filogovernativa del Sud-est della Turchia, come viene chiamata la regione kurda, una metropoli di 2 milioni di abitanti, già distretto tessile e quinta economia urbana del Paese. Dal 2011-2012 è passata da 2 a 2,5 milioni di abitanti. Il mezzo milione di persone che la sovrappopolano arriva dalla Siria. La frontiera è a qualche decina di kilometri da qui. La presenza militare è piuttosto importante. Dopo la “strage del matrimonio” - 54 morti lo scorso agosto ad una festa di nozze funestata dai terroristi - e un tentativo sventato a gennaio, quando un candidato kamikaze entrò in caserma armato fino a denti ma venne immobilizzato prima di colpire, la situazione è apparentemente più tranquilla. Niente più sfilate di bandiere nere per le vie della città, ora siamo ai tempi dell’accordo con la Russia di Putin in funzione anti-Isis.

Dona ora!