attac italia

  • Appello alla mobilitazione contro il vertice di Riva del Garda

    di Tavolo Trentino per un'Europa Sociale

     

  • Assemblea TTIP a Torino - intervento di Marco Bersani

    Assemblea sul TTIP a Torino, il 10.9.14, organizzata da ATTAC e ARCI.

    Il video dell'intervento di Marco Bersani >> http://youtu.be/LizNknYKuCM

     

     

  • I “grandi” ora parlano chiaro

    g7 caricature 580x387

    di Marco Schiaffino

    Il primo G7 con Donald Trump è stato esattamente quello che doveva essere: una sentenza di condanna per 7 miliardi di persone. O meglio, la sua formalizzazione. I cosiddetti “grandi”, sul palcoscenico di Taormina, hanno avuto la possibilità di dare la solenne formalizzazione della nuova fase in cui ci hanno precipitati con 40 anni di politiche neoliberiste. La narrazione di quella “gioiosa competizione” che avrebbe coinvolto gli abitanti del pianeta terra in una gara in cui tutti avrebbero vinto è un ricordo del passato. Ora il racconto è più crudo e, in fondo, più sincero. Nel grande ring della globalizzazione ci sono vincitori (pochi) e perdenti (quasi tutti), quindi scordatevi quella patina di buonismo che vi abbiamo propinato fino a ieri e mettetevelo nella zucca: qui ognuno gioca per sé. 

  • Il Nafta e la sollevazione zapatista in Chiapas

    di Elvira Corona

    Agli inizi degli anni novanta, nonostante innumerevoli difficoltà, le dittature che insanguinarono buona parte dei paesi a sud del Messico, lasciarono il campo a governi democratici, venuti alla luce dopo "elezioni libere". Il Fronte di Liberazione Nazionale (FLNFM) salvadoreño, considerato il più forte movimento guerrigliero del Centroamerica, consegnò le armi e trasformò i suoi comandanti in candidati. L’unità Rivoluzionaria Nazionale Guatemalteca (URNG) intavolò trattative di pace e persino i militanti di Sendero Luminoso in Perù decisero di sciogliere il movimento, pur senza aver ottenuto in questo caso, una democratizzazione del paese. Da allora in avanti si iniziò a pensare che solo attraverso i metodi di lotta democratica, si sarebbero potuti ottenere risultati concreti ai problemi che da secoli colpivano l’America Latina. Poi, all’alba di Capodanno del 1994, l’Esercito zapatista di liberazione nazionale si impose all’attenzione del mondo, occupando San Cristobal de las Casas, città del Chiapas con 90.000 abitanti, attrazione turistica internazionale e capitale morale degli Indios del Sud-est messicano. Contemporaneamente, altri centri abitati della zona, come Ocosingo e Las Margaritas, subirono la stessa "invasione", dimostrando che i nuovi seguaci di Emiliano Zapata erano molti e ben organizzati. Quanto al peso politico del gesto, il Messico si ritrovò a fronteggiare un fenomeno inedito per portata e capacità di comunicazione, che mandò in corto circuito non solo il governo, ma gli stessi partiti di opposizione. Ma come si giunse, nell’unico paese dell’America Latina immune da colpi di Stato militari e da conseguenti movimenti guerriglieri, a un evento come questo? La risposta sta soprattutto nella scelta della data. Il 1° Gennaio 1994 infatti entrò in vigore il Trattato di Libero Commercio tra Usa, Canada e Messico, meglio conosciuto come NAFTA (North American Trade Agreement), il trattato di libero scambio delle merci che ha creato il più grande mercato comune del mondo per estensione e numero di potenziali clienti. Il trattato - secondo i suoi oppositori – avrebbe condannato a morte i contadini del Sud, in maggioranza Indios discendenti dei Maya. Contadini che coltivano la terra con mezzi arcaici e considerano il mais una divinità perché provvede a sfamarli da millenni. Il mais, che con l’accettazione delle spietate regole del NAFTA, cominciò ad essere importato dalle immense aziende agricole industrializzate del Kansas e dell’Oklahoma, dove produrlo costa molto meno che in Messico. Ora che sono passati vent’anni da quando il North American Free Trade Agreement è entrato in vigore, se da un lato l’interscambio commerciale - soprattutto nella sua fase iniziale - è cresciuto secondo le previsioni, dall’altro rimangono però molte perplessità nei confronti della cosiddetta dimensione sociale del NAFTA, un aspetto affrontato solo superficialmente dai tre Paesi membri nelle fasi di negoziazione dell’accordo. Ratificato nel Dicembre 1993 a Washington ed entrato in vigore all’inizio del 1994, il NAFTA prevede l’eliminazione delle tariffe di importazione e le riduzioni sui controlli doganali tra i Paesi contraenti, in modo progressivo. Una volta entrato in vigore, il NAFTA ha dato origine al più grande mercato del mondo, con 370 milioni di abitanti e un volume di affari commerciali, nonostante le disparità economiche tra i tre Paesi, che supera i 6000 miliardi di dollari USA all’anno con un reddito globale di 6,2 trilioni di dollari.

    La realizzazione del North American Free Trade Agreement è passata attraverso situazioni e momenti caratterizzati da fragilità, incertezza e diffusi timori: in particolare per gli effetti negativi che l’enorme movimento di capitali avrebbe potuto avere sull’occupazione. Negli Stati Uniti, la sua gestazione ha avuto un corso difficile: discussa e preparata durante la presidenza repubblicana di Bush, è stata lasciata in eredità alla presidenza democratica di Clinton. Nel 1993, al momento di portare a termine il progetto, il neo-eletto presidente sapeva di dover incorrere in una serie di scontri con le diverse parti sociali e soprattutto con i sindacati. È stata questa situazione a spingere il presidente Clinton a negoziare separatamente degli accordi paralleli al NAFTA, uno concernente la protezione ambientale NAAEC (North American Agreement on Environmental Cooperation, Accordo nordamericano sulla cooperazione ambientale) e l’altro la tutela della manodopera NAALC (North American Agreement on Labor Cooperation, Accordo nordamericano sul Lavoro). La prospettiva della creazione di una zona di libero scambio ha preoccupato anche gli ambientalisti, sia per le conseguenze che il commercio senza frontiere avrebbe potuto avere sull’ambiente, sia perché le esistenti legislazioni erano ritenute insufficienti per salvaguardare l’ambito ecologico nordamericano. In particolare, era diffuso il timore che l’apertura delle frontiere messicane facilitasse il trasferimento di attività produttive verso quel Paese, le cui leggi a tutela dell’ambiente erano sicuramente meno restrittive di quelle statunitensi e canadesi e mancava delle risorse per garantirne il rispetto. Tali preoccupazioni derivano dall’esperienza delle maquiladoras, che ha visto accumularsi in Messico, lungo il confine con gli Stati Uniti, un numero abnorme di impianti industriali statunitensi, con effetti devastanti sul piano ambientale per tutta l’area di confine tra i due Paesi. Diversa è invece l’analisi dell’accordo parallelo sul lavoro, nel NAALC e nello stesso NAFTA è mancata la volontà di istituire un rapporto politico tra gli accordi di liberalizzazione commerciale e la dimensione sociale dei rapporti di lavoro. A questo proposito è fondamentale ricordare che gli Stati Uniti hanno sottoscritto un accordo che in altre occasioni avrebbero respinto: il NAALC non prevede infatti che il mancato rispetto di alcuni diritti fondamentali dei lavoratori, come la libertà di associazione e la contrattazione collettiva, sia una pratica commerciale scorretta e soggetta a possibili ritorsioni. Questa omissione ha permesso di assistere, nelle zone a basso costo del lavoro interne al NAFTA, cioè in Messico, a una attrazione di flussi di investimenti determinati proprio dai livelli minimi di protezione sociale presenti in quelle aree. Si è creata così nell’area NAFTA una sorta di competizione “al ribasso”, (unfair distorted competition) con il trasferimento di impieghi e di produzione da zone avanzate, Stati Uniti-Canada, a zone meno protette e caratterizzate da costi minori, Messico. L’esistenza di tale fenomeno, in termini di concorrenza sleale, ha sicuramente avvantaggiato economicamente il Messico, che per non scoraggiare il flusso di investimenti stranieri, non ha fatto nulla per elevare i propri standard di tutela del lavoro. Al contrario, i Paesi più ricchi, in questo caso, gli USA e il Canada, che non possono abbassare i propri standard per arrestare il calo dell’occupazione, hanno visto le proprie imprese prendere la strada del Messico. Indipendentemente dagli effetti dell’accordo, rimane infatti evidente che l’interdipendenza tra Stati Uniti e Messico avviene tra Paesi con differenti livelli di sviluppo economico: essi vantavano una relazione di debito-credito tra le più alte al mondo, un altissimo tasso di investimenti esteri diretti, la più grande coproduzione di impianti di assemblaggio (le maquiladoras) e il confine con il tasso più alto di migrazione legale e illegale. Per queste e per ragioni più profonde legate alla visione diametralmente opposta rispetto alle relazioni economiche e più in generale alla visione del mondo, l’Esercito zapatista di liberazione nazionale si era fortemente opposto alla firma dell’accordo: l’intensa campagna anti-NAFTA promossa dall’EZLN, ha permesso di attirare l’attenzione e la solidarietà mondiale sul tema dei diritti delle minoranze indigene, già snobbate dalle politiche nazionali e non tutelate dalle conseguenze negative dell’integrazione economica di matrice neoliberista di cui il NAFTA è uno degli accordi più rappresentativi.

    Articolo tratto dal Granello di Sabbia di febbraio "NO TTIP", scaricabile qui.

  • Il petrolio, la speculazione, il G8 e l'essenza del "governo"

     

     

  • La truffa della “Costituzione di Internet” - n.15 ottobre 2014

    Diritti_Internet.jpg

     

    di Marco Schiaffino

    Proprio mentre scrivo, sui quotidiani arriva il trionfale annuncio riguardante la prima bozza della cosiddetta “Costituzione di Internet”. Si tratta di un documento che dovrebbe affrontare alcune delle questioni più spinose legate alla gestione del World Wide Web, dal concetto di Net Neutrality alla libertà di espressione, passando per la tutela della privacy dei cittadini europei. Iniziativa lodevole, se non fosse proposta proprio quando la stessa Unione Europea si propone, attraverso la ratifica del TTIP, di mettere una pietra tombale sull’idea di regolamentare in qualsiasi modo Internet. Ciò che sappiamo dell’accordo transatlantico per il commercio e gli investimenti, infatti, basta e avanza per fare a pezzi il progetto della Costituzione di Internet.

  • No Ceta o no voto. E ora i candidati firmino il decalogo

    stop ttip ceta.jpg

    di: Monica Di Sisto

    L'iniziativa. «Se non ti opponi al Ceta, non ti voto»: è il messaggio con cui la Campagna Stop TTIP Italia, con i suoi comitati locali e le oltre 250 organizzazioni aderenti (tra cui Arci, Arcs, Ari, Assobotteghe, Attac, Cgil, Fairwatch, Greenpeace, Legambiente, Movimento Consumatori, Navdanya International, Slowfood, Terra! e Transform) chiede a tutti i candidati alle elezioni politiche del 4 marzo di «bocciare la ratifica del trattato di facilitazione commerciale tra Europa e Canada (Ceta) per riaprire un dibattito in Europa sui contenuti e le regole del commercio tra Ue e il resto del mondo a partire da diritti, ambiente e coesione sociale».

  • PEOPLE OVER PROFIT

    people_over_profit.jpg

    LA RETE EUROPEA DI ATTAC ADERISCE ALLA CAMPAGNA MONDIALE "PEOPLE OVER PROFIT" CONTRO GLI ACCORDI DI LIBERO SCAMBIO

  • Per una politica globale dell'acqua pubblica, solidale e partecipata

    Incontro a Firenze l'8 giugno 2003

     

  • Stop CETA 30 maggio 2017: Mobilitiamoci!

    CETA_30maggio.jpg

    Stop CETA 30 maggio 2017: Mobilitiamoci!

    Il primo ministro canadese Justin Trudeau viene in Italia per vendere un accordo tossico: il CETA. Molto presto infatti il nostro Parlamento dovrà decidere se ratificare o respingere il trattato UE-Canada gemello del TTIP. Chiediamo a deputati e senatori di annunciare un voto #StopCETA! Molti di loro non lo avranno mai letto, ma possiamo aiutarli a farsi una cultura. Ecco come:

    Martedì 30 maggio h 10

    Partecipa alla tempesta di tweet che scateneremo sui capigruppo di Camera e Senato!

    TUTTE LE INFORMAZIONI NEL SITO STOP TTIP:https://stop-ttip-italia.net/stop-ceta-maggio-mobilitiamoci-333/

  • STOP TTIP: il video

    ttip-free-trade.jpg

    Il video di presentazione della Campagna STOP TTIP:

    https://www.youtube.com/watch?v=4-3bk6VCAuY

  • StopTTIP Italia lancia la nuova campagna #NoCETA #NonTratto

     ceta_global_justice.jpg

     

    Il coordinamento Stop TTIP / Stop CETA si incontra a Milano il 10 febbraio e lancia un appello ai candidati alle elezioni politiche: #NoCETA o non vi votiamo. Obiettivo: bloccare la ratifica del CETA e cambiare l’agenda commerciale europea

  • TISA: il contrario di pubblico è segreto

    Marco Bersani (Attac Italia)

    Come se non bastasse il Partenariato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti (TTIP), ovvero il negoziato, condotto in assoluta segretezza, fra Usa e Ue per costituire la più grande area di libero scambio del pianeta, realizzando l’utopia delle multinazionali, un nuovo attacco ai beni comuni, ai diritti e alla democrazia è in corso con il TISA (Trade In Service Agreement), un nuovo trattato, della cui esistenza si è venuti a conoscenza solo grazie ai “fuorilegge” di Wikileaks..

  • Trattato Ue-Canada, l’Europa dice sì ma non è detta l’ultima parola

     

     stop_CETA.jpg

    di Monica Di Sisto*

    La Vallonia alla fine ha ceduto: il vertice Europa-Canada convocato d’urgenza domenica a Bruxelles ha approvato il trattato Ceta di liberalizzazione commerciale tra le due aree, la regione belga che contiene la capitale dell’euroburocrazia ha autorizzato il suo governo a consentire alla Commissione europea di approvarlo.

  • Trump o Trudeau? Parliamone al G7 Ambiente di Bologna

    diCampagna STOP TTIP Italia

    In un mondo ideale, gli accordi internazionali potrebbero rafforzare enormemente il campo della protezione ambientale e della tutela dei diritti, garantendo un miglioramento della vita delle persone e dell’economia dei Paesi coinvolti, contribuendo ad elevare gli standard nei paesi meno virtuosi e a fissare regole comuni e vincolanti, capaci di garantire più saldamente la salute degli ecosistemi.

  • TTIP : segreto, ovvero il contrario di pubblico

    di Mariangela Rosolen (Attac Torino)

    Nessuna bozza, traccia, schema di TTIP è a oggi disponibile. Di certo sappiamo solo che il Presidente Obama e la Commissione Europea hanno dato mandato all’ambasciatore USA Michael Froman e al Commissario UE al Commercio Karel de Gucht di confezionare un Trattato transatlantico dai mirabolanti obiettivi: incrementare il commercio Usa-Ue di 120 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni e creare due milioni di posti di lavoro. A quale prezzo? Non si deve sapere. Le trattative si svolgono in segreto, a porte chiuse, e in quelle segrete stanze si sono già tenuti oltre 100 incontri con i più importanti lobbisti, su corpose documentazioni di parte, a totale insaputa della società civile. Qualche laconico comunicato e consultazione addomesticata, qualche soffiata o appunto trapelato sono gli elementi di conoscenza di cui disponiamo. Illuminanti sono invece gli studi commissionati dai mandanti, allo scopo di magnificare gli splendidi accordi che si stanno concludendo. Ed è analizzando quegli straordinari obiettivi che possiamo farci un’idea di quel che ci si sta preparando e che www.s2bnetwork.org ci ha messo a disposizione. La traduzione italiana è disponibile sui siti di Attac Torino e Italia con il titolo “Un trattato dell’altro mondo”: www.attactorino.org o www.attac.it Sugli stessi siti è disponibile anche il video della lezione sul TTIP tenuta a Torino il 29 gennaio scorso dalla prof. Alessandra Algostino, professore associato in Diritto costituzionale comparato dell’Università di Torino.

  • TTIP: + informazione + mobilitazione - n.15 ottobre 2014

    manifestazione_ttip.jpg

    di Marco Bersani

    L’11 ottobre 2014 è stata la prima importante giornata di mobilitazione europea e internazionale contro il TTIP (Partenariato Transatlantico su Commercio e Investimenti), ovvero il tentativo di Stati Uniti e Unione Europea di realizzare la più grande area di libero scambio e di totale libertà di investimento dell’intero pianeta.

  • TTIP: il Pianeta al servizio delle multinazionali

    Il mensile per un nuovo modello sociale di Attac Italia

    Sommario

    EDITORIALE:
    A volte ritornano
    di Vittorio Lovera | Attac Italia

    TTIP: l’utopia delle multinazionali
    di Marco Bersani

    TTIP: segreto, ovvero il contrario di pubblico
    di Mariangela Rosolen

    5 domande a: Monica Di Sisto
    di Tonino Perna

    In principio era il mai
    di Redazione Attac

    WTO, un’analisi dell’accordo di Bali
    di Antonio Tricarico

    Il NAFTA e la sollevazione zapatista in Chiapas
    di Elvira Corona

    Lo spettro Bolkestein in giro per l’Europa
    di Redazione Attac

    Fermiamo gli “EPA”
    Appello alle associazioni, alle reti sociali, agli istituti missionari e a tutte le donne e gli uomini di buona volontà

    Stop TTIP: parte la campagna
    di Marco Bersani

    Dalla competizione democratica alla democrazia competitiva
    di Marco Schiaffino

    Privatizzazione delle Poste: cronaca di un disastro annunciato
    di Raphael Pepe

    Il rilancio della nostra iniziativa e una proposta generale dentro la crisi
    di Corrado Oddi

    Le RSU contro la legge Fornero sulle pensioni
    di Matteo Gaddi

    Noi, madri della Valle di Susa

    Quest’estate a Parigi, a scuola dai movimenti sociali
    di Roberto Spini

  • TTIP: IL RE E' NUDO

    stop_TTIP_5.jpg

    di Marco Bersani (Attac Italia)

    600 in Europa, 75 in Usa, 12 in America Latina, 20 in Asia e 5 in Africa: sono dunque oltre 700 le iniziative che oggi 18 aprile si svolgeranno in tutto il mondo contro i trattati di libero scambio, e contro il TTIP in particolare.

Dona ora!