attac italia

In questa sottocategoria sono pubblicati gli articoli del Granello di Sabbia

Per ricevere il granello mensilmente, mandare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Non esistono poteri buoni

rana granello 580x387

di Marco Schiaffino

Se si immerge una rana nell’acqua bollente, salterà via. Se la si infila in una pentola di acqua fredda e la si scalda lentamente, la rana non si accorge del pericolo e finisce bollita. La storiella, piuttosto popolare nel mondo anglosassone, si adatta alla perfezione a ciò che sta succedendo intorno a noi. Nel mio personalissimo immaginario, un’eventuale svolta autoritaria in Italia avrebbe preso la forma di un classico colpo di stato hollywoodiano, con carri armati e squadracce sguinzagliate per i quartieri a fare piazza pulita delle possibili cellule resistenti. Quello a cui stiamo assistendo, invece, è un lento degrado che ricorda terribilmente la favoletta della rana bollita o “boiling frog”.

Il voto del Senato che ha sottratto Matteo Salvini al procedimento per l’accusa di sequestro di persona e abuso di potere nel caso Diciotti non può essere considerato il “solito” copione a cui abbiamo assistito tante volte. Al di là del blocco del procedimento, il voto di quei 237 senatori (il minuscolo è voluto) segna un precedente da far rabbrividire. La logica seguita nel giustificare l’operato del ministro, infatti, è allucinante: avrebbe agito nell’interesse dello stato perché lo ha fatto a nome del governo. Tradotto: il governo è al di sopra delle leggi. Tutta la vicenda, di suo, ha quindi toni già piuttosto cupi.

Leggi tutto...

Cinque anni fa il referendum. La democrazia, i cittadini e le nuove norme sui servizi idrici (2016)

rodota acqua pubblica 580x387

Articolo di Stefano Rodotà pubblicato su La Repubblica il 17 marzo 2016.

Quasi cinque anni fa, nel giugno 2011, ventisei milioni di italiani votarono sì in un referendum con il quale si stabiliva che l'acqua deve essere pubblica. Oggi, ma non è la prima volta, si cerca di cancellare quel risultato importantissimo, approvando norme che sostanzialmente consegnano ai privati la gestione dei servizi idrici. Non è una questione secondaria, perché si tratta di un bene della vita e perché viene messa in discussione la rilevanza di uno strumento essenziale per l'intervento diretto dei cittadini. Tutto questo avviene in un momento in cui si parla intensamente di referendum sì che, prima di approfondire la questione, conviene dire qualcosa sul contesto nel quale ci troviamo.

Leggi tutto...

Fuori il profitto dalla tariffa!

foto Padova2

di Gianni Sbrogiò per il Comitato 2SI Acqua Bene Comune Padova

Siamo convinti che per far uscire il privato dalla gestione del Servizio Idrico Integrato, si debba togliere il profitto dalla tariffa. In questa maniera si applicherebbe immediatamente il 2° quesito referendario e il 1° quesito andrebbe ad applicarsi di conseguenza per il fatto che nessun privato resterebbe all’interno delle società di gestione e nessuno si sognerebbe ad entrarci se il Metodo Tariffario fosse stabilito senza il profitto, ma solo con il recupero dei costi (una parte da tariffa a carico degli utenti e una parte a carico della fiscalità generale). Mentre ora vediamo come si continui a legiferare affinché le quote possedute dai comuni vengano cedute alle grosse multiutility quotate in borsa. Il capitale finanziario è sicuro che nessuna forza politica toglierà loro il profitto. Il percorso accidentato della legge sull’acqua che per ben la seconda volta è stata ripresentata, ne è purtroppo la prova. 

Leggi tutto...

Beni comuni fuori dal mercato

marco bersani

di Marco Bersani*

L'evanescenza dell'antinomia fra Unione Europea e Stato nazionale è dimostrata dal progressivo affermarsi, nelle pratiche di lotta dei movimenti sociali e nella teorizzazione intellettuale alternativa, del paradigma dei beni comuni.

Se corrispondesse a realtà l'interpretazione di chi pensa che siamo di fronte ad un attacco ai diritti del lavoro, ai diritti sociali e ai servizi pubblici, portato avanti dal grande capitale finanziario e dall'oligarchia che governa l'Ue (parte vera), a cui si contrappongono gli Stati nazionali, quali luoghi di contrasto e garanti della protezione sociale (parte illusoria), non si comprenderebbe l'enfasi posta in modo sempre più marcato da parte dei movimenti sociali sul tema dei beni comuni.

Leggi tutto...

Acqua pubblica: un'attesa che dura da dodici anni

acquapubblicatorino450x600

di Simona Bombieri, Comitato acqua pubblica Torino

Negli ultimi mesi la commissione Ambiente della Camera si è trovata a discutere la proposta di legge n. 52  per la ripubblicizzazione del servizio idrico presentata dal Movimento 5 Stelle, nata dalla proposta di iniziativa popolare a sostegno della quale nel 2007 il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua ha raccolto oltre 400.000 firme a sostegno.

Come tante leggi di iniziativa popolare, quel testo è rimasto sepolto in un cassetto per anni, ma a differenza di altri, il movimento popolare che l’aveva presentato ha continuato caparbiamente a muoversi verso l’obiettivo con campagne nazionali e territoriali: da quella per la modifica degli Statuti comunali, per dichiarare l’acqua servizio pubblico senza scopo di lucro, fino al referendum. Acqua Pubblica è così diventato lo slogan sempre attuale che ha fatto la fortuna di tanti, compreso il M5S. Purtroppo l’iter della legge è tutto tranne che positivo: l’iniziale volontà politica di approvare il testo in breve tempo si è scontrata con visioni contrarie all’interno della maggioranza che hanno prodotto centinaia di emendamenti volti a cambiare nella sostanza il testo, o ad attenuarne gli effetti, togliendo ogni obbligo di ripubblicizzazione, sostituendo vincoli espliciti con “inviti” e “auspici”, che fanno fino ma non impegnano concretamente nessuno a fare alcunché.

Ad oggi l’iter legislativo è fermo: fatte salve dichiarazioni roboanti, la dura realtà è che ogni cavillo tecnico che ritarda la discussione è benvenuto.

Lo stesso tipo di tecnica dilatoria è stato usato a Torino, dove nell’Ottobre del 2017 il Consiglio comunale a maggioranza assoluta 5Stelle ha approvato la delibera per la trasformazione di Smat spa in azienda di diritto pubblico (anch’essa nata da una proposta di iniziativa popolare), allo scopo di gestire l’acqua senza scopo di lucro. 

Leggi tutto...

Dona ora!

Tag Cloud

Condividi

FacebookTwitterGoogle Bookmarks