attac italia

EUROPA 2019, OGNUNO PER SÉ E NESSUNO PER TUTTI

Tria.jpg

di: Marco Bertorello

In questi giorni di discussioni intorno al Def, giungono con sempre più insistenza dalla maggioranza dichiarazioni su come cambierà la politica economica a partire da maggio del prossimo anno. Il rinnovo del Parlamento europeo dovrebbe sancire la fine della vecchia Europa e dare vita a nuovi scenari più favorevoli al governo giallo-verde.

Leggi tutto...

RIFORME FISCALI E DEBITO PUBBLICO ITALIANO

Fisco e debito.png

IL SOCIALISMO DEI RICCHI E IL DEBITO PUBBLICO 

di: Marco Bersani

Riforme fiscali e debito pubblico italiano, Roma 27 ottobre

Quando si parla di aumento del debito pubblico, la narrazione dominante associa la definizione all'aumento della spesa pubblica, con tanto di giudizio morale sugli italiani che, per decenni, “hanno vissuto al di sopra delle proprie possibilità”. E' così che viene spiegato il raddoppio del rapporto debito Pil, avvenuto negli anni '80 del secolo scorso, quando passò dal 60% a oltre il 120%.

Sono gli anni di Craxi e della “Milano da bere”, quando vengono sdoganati, anche a sinistra, l'individualismo e l'arricchimento.

Eppure, i dati ufficiali sulla spesa pubblica di quel decennio raccontano un'atra verità: infatti, al netto della spesa per interessi, la spesa pubblica italiana è passata dal 42,1% del Pil nel 1984 al 42,9% nel 1994, mentre, nello stesso periodo, la media europea vedeva un aumento dal 45,5% al 46,6% e quella dell'eurozona dal 46,7% al 47,7%. Ovvero, sia in percentuale assoluta, sia in percentuale di aumento relativo, la spesa pubblica italiana si è costantemente posizionata a livelli inferiori rispetto al resto dell'Ue e dell'eurozona.

Se poi andiamo ad analizzare gli anni dal 1990 ad oggi, scopriamo che per ben 26 anni su 28, il nostro bilancio si è chiuso con un avanzo primario -uscite inferiori alle entrate, al netto degli interessi sul debito- determinando un record mondiale per il nostro Paese.

Non è dunque sul versante della spesa che vanno cercate le cause del nostro debito pubblico e, a chi agita la parola d'ordine degli sprechi e della corruzione, occorre rispondere come questi fatti -reali- siano da considerare non una causa, bensì un'aggravante delle peggiorate condizioni di vita delle fasce deboli della popolazione: si è speso poco e, oltretutto, una parte consistente di quel poco è stata dirottata verso interessi privatistici, familistici, quando non direttamente mafiosi.

Quasi nessuno affronta l'esplosione del nostro debito pubblico dal versante delle entrate, eppure è su questo crinale che si possono trovare risposte, non solo alle difficoltà finanziarie dell'oggi, ma anche alla drammatica diseguaglianza sociale che attraversa il presente.

Non stiamo parlando solo della macro-questione dell'evasione fiscale (dai 105 ai 130 miliardi l'anno), rispetto alla quale anche il “governo del cambiamento” si muove in diretta continuità (aggiungendo un sovrappiù di comicità) con quanti negli anni passati l'hanno ritenuta nei fatti una scelta di politica economica per attrarre capitali.

Stiamo parlando della fiscalità generale che, dal 1974 ad oggi, ha modificato la propria natura, trasformandosi, da principio costituzionale di contribuzione progressiva al benessere collettivo a seconda delle capacità economiche di ciascuno, a costante trasferimento di ricchezza dal mondo del lavoro al mondo dei profitti, che attendono solo la Flat Tax del nuovo governo per completare il ciclo.

C'entra tutto questo con il debito pubblico? La risposta è affermativa e si evince dal rapporto “Riforme fiscali e debito pubblico italiano” stilato da Cadtm Italia (Comitato per l'annullamento dei debiti illegittimi), che verrà presentato ufficialmente a Roma sabato 27 ottobre (http://italia.cadtm.org/riforme-fiscali-e-debito-pubblico-italiano/).

Un primo passo politico fondamentale, al quale dovrebbero porre massima attenzione tutti i settori attivi della società, perché senza mettere in discussione il mantra “C'è il debito, non ci sono i soldi” sarà impossibile arginare il conseguente “Se i soldi non ci sono, prima gli italiani!”, divenuto la cifra politica di un governo che della differenziazione sociale ha fatto il proprio carburante.

Articolo pubblicato su Il Manifesto del 20.10.2018

 

Roma, 27 ottobre 2018

Sala ENGIM Internazionale, Via degli Etruschi 7, Roma

Ore 10:00 : Saluti: Massimo Pallottino (Coalizione Italiana Contro la Povertà [CGAP])
Ore 10:15 :  Presentazione dossier Audit su debito pubblico italiano:
“Come le riforme fiscali hanno aumentato debito e disuguaglianze”

Interventi previsti:
Rocco Artifoni (Associazione per la Riduzione del Debito Pubblico [ARDeP] – CADTM)
Francesco Gesualdi (Centro Nuovo Modello di Sviluppo – CADTM)
Antonio De Lellis (Attac – CADTM)
Ore 11:30: 

Interventi programmati:
Paolo Raimondi (economista)
Mario Lettieri (già sottosegretario all’Economia)


Ore 12:00: Domande dei giornalisti e dal pubblico
Ore13:00: Pausa pranzo
Ore 14:00: Ripresa lavori
Ore 14:15: Sintesi dei lavori del mattino e programmazione lavori gruppi Audit
Ore 15:00: Lavori assembleari e rinnovo cariche
Ore 16:00: Conclusione dei lavori

Come arrivare alla sede del convegno:
Da Stazione Termini (MA-MB):
Prendere la linea 71 (direzione Stazione Tiburtina) per 5 fermate, scendere alla fermata
TIBURTINA/MARRUCINI, percorrere 2000 metri (anche a piedi)
Da Stazione Tiburtina (MB):
Prendere la linea 71 (direzione S. SILVESTRO) per 6 fermate, scendere alla fermata
TIBURTINA/MARRUCINI, percorrere 2000 metri (anche a piedi)

CITTA' LIBERE DAL DEBITO: UNA GIORNATA IMPORTANTE

 Massa critica.jpg

di: Marco Bersani

É stata una giornata importante quella che si è svolta sabato 6 ottobre a Napoli.

Si sono riuniti, nel secondo incontro nazionale, tutti i comitati e le reti che hanno avviato nei propri territori percorsi di indagine (audit) pubblica e indipendente sulla situazione finanziaria e debitoria dei propri enti locali, al preciso scopo di mettere in discussione la narrazione dominante, che pone i vincoli finanziari come priorità sulla garanzia dei diritti fondamentali e la difesa dei beni comuni delle comunità locali.

Leggi tutto...

La ricrescita del debito globale

mckinsey.jpg

di: Matteo Bortolon

Gli anniversari e le ricorrenze se di carattere privato inducono al ricordo e alla celebrazione; se pubblici promuovono l'analisi e un bilancio temporale. Se si prende come riferimento il crollo dei mutui sub prime di agosto 2007 l'anno scorso cadevano i dieci anni di Crisi Economica globale; se si prende invece la bancarotta di Lehman Brothers il decennale cadeva settembre scorso.

Il bilancio non pare precisamente positivo, tuttavia c'è la necessità di capire cosa è oggettivamente mutato e in che direzione per capire come incidere.

Leggi tutto...

LIBERIAMO LE CITTA' DAL DEBITO

L'immagine può contenere: una o più persone e spazio all'aperto

di: Marco Bersani

Sabato 6 ottobre a Napoli - ore 10.30-17.30 - l'Asilo, vico Giuseppe Maffei 4

In questo strano Paese può succedere che un partito che ruba 49 milioni di euro alla ricchezza collettiva ottenga di poterli risarcire in comodissime rate mensili da 50.000 euro, chiudendo la partita in soli 81 anni (partita peraltro truccata, perché la Lega verserà nelle casse pubbliche ogni anno l'1,2% del totale, ovvero un terzo degli interessi che lo Stato dovrà pagare alle banche per ottenere quella stessa cifra).

Leggi tutto...

Dona ora!

Tag Cloud

Condividi

FacebookTwitterGoogle Bookmarks