attac italia

IL FISCO INIQUO

Flat Tax.jpg

di: Antonio De Lellis (CADTM Italia)

La ''manovra del popolo'' e le rinnovate paure di default dell'Italia richiamano la necessità di capire i meccanismi di formazione del debito pubblico italiano.

Leggi tutto...

NON ERA UN GOLPE

  grecia-austerity.jpg

di: Matteo Bortolon

This is a coup. Questo è un golpe. Tale frase rimbalzava furiosamente sui social in Francia, Germania, Italia, Grecia, Uk ecc., in prossimità dell'accordo che le autorità della Troika (Commissione Ue, Banca centrale Europea e Fondo monetario) erano riuscite a strappare al governo di Syriza nel luglio 2015. Un golpe contro la sovranità del popolo greco che aveva massicciamente – e coraggiosamente – votato contro un programma di austerità che veniva imposto lo stesso.

Leggi tutto...

Il grande business del debito italiano

euro-frottage.jpg

di: Andrea Fumagalli

Fa scandalo la richiesta del governo italiano di portare il rapporto deficit/pil al 2,4% e così si alimenta una campagna mediatica – a destra come a sinistra – che ha in realtà il vero obiettivo di spianare la strada alla speculazione finanziaria. In base ai nudi dati economici, l’Italia non è affatto a rischio di insolvenza. All’elevato debito pubblico, infatti, fa da contraltare uno dei più bassi valori del debito delle famiglie e delle imprese. Se poi aggiungiamo il surplus commerciale (che è superiore allo stesso deficit pubblico del 2,4%), l’allarme lanciato è solo giustificabile sul piano politico e ideologico e non economico. 

Leggi tutto...

Pace Fiscale: c’era una volta l’Italia

 Pace Fiscale_.jpg

 di: Antonio De Lellis 

Il contesto nel quale matura la manovra finanziaria o legge di bilancio del governo Conte, Tria, Salvini, Di Maio è nel complesso in linea con quanto promosso da precedenti governi per quanto riguarda le misure di assistenza e per lo sforamento Deficit/Pil, ma presenta alcune novità che piaceranno molto agli italiani: la pace fiscale che offrirà una nuova via di uscita ai contenziosi, migliorando la rottamazione delle cartelle e chiudendo definitivamente la posizione dei piccoli debitori, e dall’altra ritocchi importanti alla riforma Fornero che consentiranno di andare in pensione prima.

Leggi tutto...

EUROPA 2019, OGNUNO PER SÉ E NESSUNO PER TUTTI

Tria.jpg

di: Marco Bertorello

In questi giorni di discussioni intorno al Def, giungono con sempre più insistenza dalla maggioranza dichiarazioni su come cambierà la politica economica a partire da maggio del prossimo anno. Il rinnovo del Parlamento europeo dovrebbe sancire la fine della vecchia Europa e dare vita a nuovi scenari più favorevoli al governo giallo-verde.

Leggi tutto...

Dona ora!

Tag Cloud

Condividi

FacebookTwitterGoogle Bookmarks