attac italia

Ventimiglia, 15 giugno 2015: Libertè, Egalitè, Fraternitè

Ventimiglia15.6.15.jpg

In Grecia ha vinto la speranza, manteniamola viva e diffondiamola in tutta Europa

171258285 843609b

Dichiarazione della rete degli Attac Europei dopo le elezioni greche

Nelle elezioni greche del 25 Gennaio la speranza ha vinto sulla paura e sulla rassegnazione, dando ai cittadini greci la possibilità di essere governati da un governo di sinistra per la prima volta. Questa vittoria sta facendo rinascere la speranza non solo tra il popolo greco, ma tra i cittadini europei, che hanno espresso la loro solidarietà nella lotta contro le politiche di austerità della Troika.

Leggi tutto...

L'inammissibile ed irresponsabile colpo della BCE contro la Grecia

arton3674-358d6-9801a

da Attac France

La Banca centrale europea (BCE) ha annunciato mercoledi 4 febbraio che metterà fine alle normali operazioni di rifinanziamento delle banche greche. Per ritirare liquidità presso la BCE, le banche non potranno più dare come garanzia i titoli di Stato greco. Le banche greche si vedono così ritirare la loro principale fonte di finanziamento.

Leggi tutto...

Mezzo milione di cittadini in Spagna hanno ora il controllo su conti pubblici urbani

Più di mezzo milione di persone hanno ora accesso a una reale partecipazione nel loro comune. Gli OCM: organismi cittadini per controllare i governi locali.
Dopo due anni di lavoro presso la spagnola Piattaforma Cittadina per l’Audit del Debito (PACD), stiamo rilasciando il nostro strumento comunale per i cittadini: gli Osservatori Comunali dei Cittadini (OCM è l'acronimo spagnolo), un progetto che combatte l'opacità, favorisce la partecipazione al livello più accessibile del governo: i comuni, per renderli accessibili e partecipativi dal basso. Stiamo lanciando la proposta con cinque osservatori già in atto, che hanno permesso una reale partecipazione per più di mezzo milione di persone a Burgos, Terrassa, Girona, Castelldefels e Moia. E non saranno gli unici: ci sono in diversi comuni gruppi di apprendimento e di preparazione dei propri siti web per i loro vicini.
L'OCM propone un Audit Civico cittadino, migliorando il controllo di base: le nostre consultazioni in un comune sono una parte del processo di audit, mostrando ciò che è importante per noi nella nostra città. Una squadra di governo non sa meglio di noi ciò che è necessario nella nostra città. Tuttavia, ci sono pochi che offrono strumenti di partecipazione reali in linea con le esigenze dei cittadini.
Sappiamo tutti ormai che i nostri Comuni sono opachi; non c'è bisogno di guardare le statistiche internazionali che lo confermano. Non capiamo perché ci sono fornite meno informazioni rispetto a quelle che avremmo trovato in un semplice scontrino. E crediamo che non dobbiamo permettere questo: è nostro dovere garantire che i conti comunali siano resi pubblici, e per questo, la pressione dell'opinione pubblica è efficace.
Vi invitiamo a creare o promuovere il proprio OCM; uno spazio organizzato e autogestito aperto che farà rete con gli altri per raggiungere un maggiore controllo dei conti comunali. Fino a quel giorno, saremo informati solo da istituzioni per la maggior parte inefficaci come corti dei conti o difensori civici.
Lo strumento ha anche un orientamento internazionale ed è disponibile in diverse lingue, in modo che qualsiasi città del mondo possa farne uso. Abbiamo sviluppato un progetto open source, perché crediamo veramente nella cultura della trasparenza e del valore della condivisione delle informazioni.
Se vogliamo combattere la corruzione, influenzare i bilanci dei governi e fare che la nostra partecipazione vada oltre il voto ogni quattro anni ... Quale luogo migliore per imparare che il livello locale? ... E dopo, saremo in grado di mirare più in alto.
Cambiamo, il nostro futuro, è proprio dietro l'angolo. La trasparenza comincia in strada: attivala!
Un breve video introduttivo allo strumento (sottotitoli in inglese, francese, italiano, greco, portoghese e tedesco) a questo link: https://www.youtube.com/watch?v=PsHmSvGBPks&index=10&list=PLWkQoih_mrMt4r0P95AI1I0bV1OCZfymf

ICANetwork

giugno 2014

Quest'estate a Parigi, a scuola dai movimenti sociali

ESU2014.jpg

La rete europea di Attac sta organizzando l'Università estiva europea per i movimenti sociali (ESU) presso l'Università Paris Diderot a Parigi, dal 19 al 23 agosto 2014.

Il sito: http://www.esu2014.org/

Durante i cinque giorni, più di 1000 partecipanti sono attesi (attivisti di Attac e di altri movimenti, cittadini), per scambiare punti di vista, per imparare da e con gli altri, per discutere e sviluppare ulteriormente i modi e le strategie per uscire dalle tante crisi globali nonché a potenziare ulteriormente i movimenti sociali a livello nazionale e internazionale.
L'ESU di Parigi offrirà un gran numero di eventi: seminari, tavole rotonde centrali o " forum ", attività culturali, escursioni. Ma soprattutto, i laboratori saranno al centro dell'ESU, per i quali saranno messi a disposizione circa 200 spazi nell'arco di tre giornate.
Ogni attività nell'ambito dell'ESU rispecchierà un carattere di rete, in quanto pensate da organizzazioni di diversi paesi europei. L'intento è di dare l'opportunità a chi partecipa di condividere analisi, idee, pratiche e relazioni per incrementare la capacità di azione di mobilitazioni o campagne.

 

Leggi tutto...

Dona ora!

Tag Cloud

Condividi

FacebookTwitterGoogle Bookmarks